Recensione • TONIO KRÖGER Passa ai contenuti principali

Recensione • TONIO KRÖGER

 
Molto probabilmente una delle opere più autobiografiche dell'autore, e oserei dire quasi il compendio della sua poetica. Con Tonio Kröger (1903), Thomas Mann ha realizzato un capolavoro di cui poco si può ed è lecito dire, un breve romanzo da leggere, da sentire e nient'altro. 

Gli inquieti dolori del giovane Tonio, di madre dai sentimenti del sud e di padre dagli occhi nordici, aprono l' opera, offrendosi di far compagnia per tutto lo svolgersi della narrazione. Sì, perché dopotutto Tonio Kröger è un racconto di cui si apprezzerà molto l'organicità, il legame che tiene insieme tutto, un filo le cui estremità convergono nel Tonio/Thomas, colui che ama la vita ma alla quale è chiamato soltanto ad assistere attraverso le vetrate di una veranda... È un poeta. Un artista.

Il tenero, candido, geloso amore per Hans, i passi di critica nei dialoghi con Lisaweta: questi i momenti che più mi hanno commosso. D'altronde, si sta parlando di situazioni e circostanze che Mann visse in prima persona e, a tal proposito, non posso fuggire dal porgere l'invito a leggere proprio le prime pagine del racconto a chi possa ancora nutrire qualche dubbio sul valore di un modo di vivere i sentimenti oggigiorno a volte troppo ridicolizzato. 

Un' opera che sembra più un' intima confidenza, parole che appaiono suscitate da un subitaneo e profondo sguardo a quanto di più personale l'autore conservi: questa la sensazione che potrebbe percepire il lettore già dalle prime righe. E, se così accadesse, non potrebbe non considerare diretta conseguenza di ciò il fluire spontaneo, chiaro e caldo di pensieri e ricordi. Una commossa sorpresa verrebbe poi dallo scoprire l'eleganza, la sacralità che l'autore non accenna nemmeno per un istante a sacrificare, ma che anzi adopera nelle loro vesti più sobrie ed apprezzabili...

Non sarebbe giusto andare oltre, non avrebbe senso. Sono pienamente convinto che un' opera così intima come Tonio Kröger debba essere percepita altrettanto intimamente, e che una pseudo-recensione come questa sia essa stessa figlia di tale approccio. 

Il racconto è spesso edito insieme alle altre due lunghe novelle di Thomas Mann, La morte a Venezia e Tristano
Buona lettura...

Titolo: Tonio Kröger (edito insieme a La morte a Venezia e Tristano)
Autore: Thomas Mann
Traduzione di: Enrico Filippini
Casa editrice: Feltrinelli
Prezzo di copertina: € 7,50

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione • L'ULTIMO GIORNO DI UN CONDANNATO A MORTE

Un romanzo molto breve, un concentrato di emozioni e tormenti, il tutto raccolto e assemblato per dare vita ad un urlo, ad uno strattone che risvegli negli uomini la consapevolezza che vivere non sancisce il possesso della vita stessa, né della propria, né di quella altrui. Scritto nel 1829 dalla penna del padre del Romanticismo francese, Victor Hugo, L'ultimo giorno di un condannato a morte credo sia uno dei lavori più toccanti e disarmanti che il gusto romantico abbia partorito.

Recensione • GIOBBE - ROMANZO DI UN UOMO SEMPLICE

Romanzo strano.  Giobbe - Romanzo di un uomo semplice, sembra (e dico: sembra) non concedersi affatto alcuna licenza dalla semplicità dell'uomo la cui storia, intrisa di affanni, Joseph Roth ha vergato fra le sue righe. Pubblicato nel 1930, è opera di un autore abbastanza singolare, sul quale invito a leggere qualcosa, basta una di quelle biografie che il web ospita. 
A dire il vero, questo romanzo non è rientrato per niente nelle mie aspettative. Ma è altrettanto vero che difficilmente accade il contrario, soprattutto se l'idea che ci si è fatti non solo è priva di alcun legame con l'esperienza diretta dell'oggetto (nel nostro caso, il libro in questione), ma è per di più un'immagine ben nitida e fissa nella nostra mente. Ciononostante, lungi da me dirmi deluso da questa lettura. Romanzo strano (mi ripeto intenzionalmente; tale constatazione mi si è presentata più volte alla mente mentre sfogliavo il libro, quasi una sorta di leitmotiv).

Jan Vermeer・La lattaia

La lattaia (1658 - 61 ca.) è sicuramente uno dei dipinti più famosi di Jan Vermeer. La monumentalità rassicurante delle sue forme, insieme alla grazia del gesto misurato e allo sguardo concentrato, conferisce al personaggio un fascino quasi materno. Una scelta rara se non unica in confronto al resto dell'opera di Vermeer, che preferisce spiare la privata titubanza di giovani spose indecise fra la virtù e il vizio o la pigrizia di padrone assopite, piuttosto che riempirci del sereno conforto di una solida rettitudine.


Il richiamo alla virtù, che spesso in Vermeer assume la forma della Temperanza (raffigurata in allegoria sui vetri colorati delle immancabili finestre), era missione tipica della pittura di genere olandese del XVII secolo: siamo nel "secolo d'oro" delle Province Unite -  "unite" proprio dalla nuova etica della Riforma, anche solo come scusa per l'indipendenza - secolo che fu tale proprio per la piena adesione dei più agli insegnamenti pater…